Gruppo Brescia Mobilità
Pubblica amministrazione

FORNITURA CON POSA E MANUTENZIONE DI UN SISTEMA AUTOMATICO DI LETTURA TARGHE

Oggetto: FORNITURA CON POSA E MANUTENZIONE DI UN SISTEMA AUTOMATICO DI LETTURA TARGHE
Tipo di fornitura:
  • Beni
Tipologia di gara: Procedura Aperta
Criterio di aggiudicazione: Offerta economicamente più vantaggiosa
Modalità di espletamento della gara: Telematica
Importo complessivo a base d'asta: € 303.000,00
Importo, al netto di oneri di sicurezza da interferenze e iva, soggetto a ribasso: € 302.000,00
Oneri Sicurezza da interferenze (Iva esclusa): € 1.000,00
CIG: 789907393E
Stato: In svolgimento
Centro di costo: Brescia Mobilita' spa
Aggiudicatario provvisorio: F.G.S. SRL
Data pubblicazione: 03 giugno 2019 12:45:00
Termine ultimo per la presentazione di quesiti: 28 giugno 2019 17:00:00
Data scadenza: 08 luglio 2019 13:00:00
Comunicazione:

La tabella a pag. 61 delle Specifiche Tecniche è un refuso, è integralmente sostituita dalla tabella di cui al punto 18.1 Criteri di Valutazione dell'offerta Tecnica del Disciplinare di Gara

Documentazione gara:
Documentazione amministrativa richiesta:
  • Mod.A3 Iscrizione CCIAA e dati per antimafia
  • Mod.A4 Dichiarazione familiari conviventi
  • Procura e/o documentazione aggiuntiva (ove necessario)
  • PassOE
  • Cauzione provvisoria
  • copia ricevuta versamento a favore dell'anac pari ad euro 35,00
  • DGUE
  • Allegato al DGUE
  • domanda di partecipazione
  • copia documentazione di avvenuto sopralluogo
Per richiedere informazioni: per info sulla gara ing. Claudio Moraschi cmoraschi@bresciatrasporti-spa.it 030-3061061

La tabella a pag. 61 delle Specifiche Tecniche è un refuso, è integralmente sostituita dalla tabella di cui al punto 18.1 Criteri di Valutazione dell'offerta Tecnica del Disciplinare di Gara

Pubblicazioni ai sensi dell'art. 29 D.lgs. 50/2016

Nome Data pubblicazione
provvedimento di esclusione 11/10/2019 14:22:46
cv n.1 22/10/2019 08:42:36
cv n.2 22/10/2019 08:43:34
cv n.3 22/10/2019 08:43:56
nomina commissione 22/10/2019 08:42:05

Risposte alle domande più frequenti (FAQs)

FAQ n. 1

Domanda:

1) In relazione a quanto previsto agli artt. 9 e 15.2 del Disciplinare, si chiede di precisare se, alla luce della vigente disciplina dettata dal D.L. 32/2019 (c.d. Sblocca cantieri) che ha abrogato l’art. 105, comma 6, D.Lgs. 50/2016, sia comunque obbligatoria l’indicazione della terna dei subappaltatori, con il conseguente obbligo di presentare i relativi DGUE.

 

Risposta:

R) Non è più obbligatoria l’indicazione della terna dei subappaltatori,

resta comunque l’obbligo di indicare se si intende subappaltare e cosa si intende subappaltare.

Cordiali saluti.

FAQ n. 2

Domanda:

2) Con riferimento alla procedura di gara di cui in oggetto, rileviamo che è stato richiesto, tra i requisiti di partecipazione,  il possesso di una certificazione ISO 9001 riferita al settore IAF  19  “Apparecchiature elettriche ed ottiche”.
Alla luce dell’oggetto di gara, e al fine di favorire una maggiore partecipazione alla procedura di gara stesse, con la presente siamo a chiedere che venga accettata anche la candidatura di imprese in possesso di attestazione ISO nella classifica IAF 33 “tecnologia dell’Informazione”.
Tale richiesta è peraltro suffragata dall’operato di alcune stazioni appaltanti che, per bandi analoghi, hanno richiesto che le società partecipanti possedessero la ISO in tale settore  (es. Comune di Napoli, Agenzia delle Dogane etc).

Risposta:

R) E' accettata anche la candidatura di imprese in possesso di attestazione ISO nella classifica IAF 33 “tecnologia dell’Informazione”.

FAQ n. 3

Domanda:

3) In merito al paragrafo di seguito esplicitato :

Paragrafo 7.4 INDICAZIONI PER I RAGGRUPPAMENTI TEMPORANEI, CONSORZI ORDINARI, AGGREGAZIONI DI IMPRESE DI RETE, GEIE

N.B.: nei raggruppamenti temporanei, la mandataria deve, in ogni caso, possedere i requisiti ed eseguire le prestazioni in misura maggioritaria ai sensi dell’art. 83, comma 8 del Codice.

La mandataria di un raggruppamento temporaneo di imprese di tipo verticale, ai sensi dell’art. 48, comma 2 del Codice, esegue le prestazioni indicate come principali, anche in termini economici, le mandanti quelle indicate come secondarie.

I soggetti di cui all’art. 45 comma 2, lett. d), e), f) e g) del Codice devono possedere i requisiti di partecipazione nei termini di seguito indicati.

Alle aggregazioni di imprese aderenti al contratto di rete, ai consorzi ordinari ed ai GEIE si applica la disciplina prevista per i raggruppamenti temporanei di imprese, in quanto compatibile. Nei consorzi ordinari la consorziata che assume la quota maggiore di attività esecutive riveste il ruolo di capofila che deve essere assimilata alla mandataria.

Nel caso in cui la mandante/mandataria di un raggruppamento temporaneo di imprese sia una sub-associazione, nelle forme di un RTI costituito oppure di un’aggregazioni di imprese di rete, i relativi requisiti di partecipazione sono soddisfatti secondo le medesime modalità indicate per i raggruppamenti.

Il requisito relativo all’iscrizione nel registro tenuto dalla Camera di commercio industria, artigianato e agricoltura oppure nel registro delle commissioni provinciali per l’artigianato di cui al punto 7.1 lett. a) deve essere posseduto da:

  1. a. ciascuna delle imprese raggruppate/raggruppande, consorziate/consorziande o GEIE;

  2. b. ciascuna delle imprese aderenti al contratto di rete indicate come esecutrici e dalla rete medesima nel caso in cui questa abbia soggettività giuridica.

Nell’ipotesi di raggruppamento temporaneo orizzontale il requisito di cui al precedente punto 7.3 lett. c) e a) deve essere posseduto sia dalla mandataria sia dalle mandanti. Detto requisito deve essere posseduto in misura maggioritaria dalla mandataria. Nell’ipotesi di raggruppamento temporaneo verticale il requisito deve essere posseduto dalla mandataria”.

 

Si chiede se quanto indicato al paragrafo 7.4, il requisito posseduto fa riferimento al punto 7.3 b) anziché al 7.3-c) , inesistente;

Risposta:

si conferma che fa riferimento al paragrafo 7.3 b)

FAQ n. 4

Domanda:

4) In merito alla questione della certificazione richiesta quale requisito di capacità tecnica e professionale, al punto 7.3 b)

 Possesso di una valutazione di conformità del proprio sistema di gestione della qualità alla norma UNI EN ISO 9001:2015 nel settore di accreditamento IAF 19 ed in ogni caso idonea, pertinente e proporzionata al seguente oggetto: “fornitura con posa e servizio di manutenzione apparati di lettura targhe”.

La comprova del requisito è fornita mediante un certificato di conformità del sistema di gestione della qualità alla norma UNI EN ISO 9001:2015

Tale documento è rilasciato da un organismo di certificazione accreditato ai sensi della norma UNI CEI EN ISO/IEC 17021-1] per lo specifico settore e campo di applicazione/scopo del certificato richiesto, da un Ente nazionale unico di accreditamento firmatario degli accordi EA/MLA oppure autorizzato a norma dell’art. 5, par. 2 del Regolamento (CE), n. 765/2008.

Al ricorrere delle condizioni di cui all’articolo 87, comma 1 del Codice, la stazione appaltante accetta anche altre prove relative all’impiego di misure equivalenti, valutando l’adeguatezza delle medesime agli standard sopra indicati.

 

Si chiede se è accettata per la partecipazione anche altra certificazione equivalente come ad esempio Certificazione UNI EN ISO 9001:2015 nel settore di accreditamento IAF 28, 29,31,33 o altro….

Risposta:

vedere la risposta alla faq. n.2 e n.5

FAQ n. 5

Domanda:

5) In merito alla richiesta quale requisito di capacità tecnica e professionale, al punto 7.3 b) del Disciplinare di Gara. Si chiede se sia accettata certificazione ISO 9001:2015 settore EA 28 "Imprese di costruzione, installatori di impianti e servizi."

Risposta:

A favore di una più ampia partecipazione si autorizza quale requisito di capacità tecnica e professionale, al punto 7.3 b) del Disciplinare di Gara anche la certificazione ISO 9001:2015 settore EA 28 "Imprese di costruzione, installatori di impianti e servizi."

FAQ n. 6

Domanda:

6) A favore di una più ampia partecipazione si autorizza quale requisito di capacità tecnica e professionale, al punto 7.3 b) del Disciplinare di Gara le seguenti certificazioni ISO 9001:2015:

settore IAF 28 "Imprese di costruzione, installatori di impianti e servizi."

settore IAF 33 "Tecnologie dell'informazione"

oltre a quella già esplicitata nel disciplinare di gara IAF 19

Risposta:

A favore di una più ampia partecipazione si autorizza quale requisito di capacità tecnica e professionale, al punto 7.3 b) del Disciplinare di Gara le seguenti certificazioni ISO 9001:2015:

settore IAF 28 "Imprese di costruzione, installatori di impianti e servizi."

settore IAF 33 "Tecnologie dell'informazione"

oltre a quella già esplicitata nel disciplinare di gara IAF 19

FAQ n. 7

Domanda:

7) La tabella a pag. 61 delle Specifiche Tecniche è un refuso, è integralmente sostituita dalla tabella di cui al punto 18.1 Criteri di Valutazione dell'offerta Tecnica del Disciplinare di Gara

Risposta:

La tabella a pag. 61 delle Specifiche Tecniche è un refuso, è integralmente sostituita dalla tabella di cui al punto 18.1 Criteri di Valutazione dell'offerta Tecnica del Disciplinare di Gara

FAQ n. 8

Domanda:

8) Si chiede di poter avere a disposizione il computo metrico estimativo e l'elenco prezzi.

Risposta:

La documentazione non fa parte della documentazione di gara perché la quantità, qualità e prezzi dei dispositivi che costituiranno il sistema richiesto, dove non indicato, sono prerogativa della proposta tecnica e commerciale del concorrente

FAQ n. 9

Domanda:

9) In merito al paragrafo 7.3 "Requisiti di Capacità Tecnica e Professionale" punto A "Esecuzione negli ultimi tre anni dei seguenti servizi/forniture analoghi". Si chiede conferma se, così come previsto dal DPR 445/00 in fase di gara è sufficiente per gli offerenti, autodichiarare il possesso dei requisiti. Mentre la comprova del requisito, per gli operatori aggiudicatari, in fase di controllo, va verificata dall'ente appaltante tramite avcpass richiedendo direttamente agli enti pubblici la documentazione attestante il requisito.

Risposta:

R) Gli offerenti possono in sede di gara dichiarare il possesso del requisito ai sensi del DPR 445/2000, ovvero fornire la documentazione a comprova richiesta. Nel caso di semplice attestazione in sede di gara, la stazione appaltante richiederà agli operatori aggiudicatari la dimostrazione di tali requisiti secondo le modalità riportate al punto 7.3 del Disciplinare di Gara. E' facoltà della stazione appaltante chiedere dimostrazione dei requisiti dichiarati a campione agli offerenti non aggiudicatari.

FAQ n. 10

Domanda:

10) Nella Specifica Tecnica viene richiesta la fornitura di Symantec Endopoint. E’ possibile sapere il numero di client a cui applicare la licenza e la tipologia di licenza esistente per fornire una soluzione uniforme?

Risposta:

- l’endpoint deve essere installato su tutti le macchine (fisiche o virtuali) previsti dalla soluzione (es. 10 Virtual Machine con Windows Server allora servono 10 licenze);

- l’endpoint lato client: sono previsti dalle specifiche n° 4 client (PL, Questura, Carabinieri e Gdf). Per ogni  PC associato al client utilizzato dall’ operatore serve un endpoint. A questo numero (4)  si aggiunge n° 1 licenza per operatore BSM  e  altre 5 licenze di scorta in caso di crescita futura. Totale n° 10 licenze.

FAQ n. 11

Domanda:

11) A pag. 61 delle Specifiche Tecniche "lett b) Moduli Offerta Tecnica" si parla di MODULO in cui l'offerente dovrà riportare in maniera sintetica e riassuntiva la rispondenza della propria offerta tecnica ecc.

 Chiediamo se si tratta di un modulo da voi predisposto alla compilazione.

 

 

Risposta:

Non è stato creato un modulo specifico. I concorrenti presenteranno una relazione tecnica descrittiva delle caratteristiche tecniche della proposta offerte, da cui emerga la corrispondenza alle specifiche tecniche. Presenterà inoltre riassunto delle caratteristiche migliorative offerte seguendo quanto contenuto nelle tabelle da 1 a 4.

FAQ n. 12

Domanda:

12)  a)In relazione a quanto espresso nel documento Specifiche Tecniche per Fornitura sistema automatico lettura targhel capitolo 7, pag. 33: Si precisa che, come richiesto dalle forze dell'Ordine, il nuovo sistema LT deve e dovrà acquisire anche i transiti provenienti da altri sistemi di lettura targhe installati e da prevedere sul territorio provinciale; in particolare l'ente Provincia di Brescia dispone già di un sistema analogo (da ora denominato LTP) per il quale indicativamente vengono acquisiti circa 250.000 transiti giornalieri.
Si chiede con la presente di dettagliare il numero di telecamere in carico al sistema LT al fine di poter correttamente dimensionare il servizio centralizzato di raccolta dati.

b) In relazione a quanto espresso nel documento Specifiche Tecniche per Fornitura sistema automatico lettura targhe a titolo indicati a pagina 23:
Si precisa che le opere edili dei portali 13-14-15-16 sono sottoposte a vincoli ambientali: infatti rientrano nel perimetro dell'ordinanza comunale (PG n 0245991/2081 del 27/12/2018)- finalizzata all'imposizione di alcuni limiti all'utilizzo del territorio comunale nella zona sud ovest della città e nel sito di interesse nazionale Brescia -Caffaro - allegato 1; pertanto prima di procedere con gli scavi si dovranno produrre le opportune richieste di autorizzazione di deroga agli Uffici Comunali competenti.
Si chiede con la presente di specificare se le opere edili e le conseguenti autorizzazioni saranno in carico all'aggiudicatario o resteranno di pertinenza a Brescia Mobilità

Risposta:

a) Brescia  Mobilità non dispone di queste informazioni in quanto non ha realizzato l’attuale sistema di lettura targhe di proprietà della Provincia di Brescia ; è stato indicato dalla Provincia di Brescia un flusso giornaliero di circa 250.000 transiti

b) Le opere edili  come le autorizzazioni sono in carico alla Stazione Appaltante

FAQ n. 13

Domanda:

13.1) Il Disciplinare di gara prevede di assegnare un punteggio tecnico alle prestazioni del posto centrale, e in particolare i punteggi 19 e 20 si riferiscono a:

  1. Riconoscimento MARCA e MODELLO veicolo – punteggio 3
  2. Classificazione Tipologia Veicolo – punteggio 2

Con le attuali tecnologie queste prestazioni possono essere realizzate sia con algoritmi sul posto centrale che con algoritmi sulla telecamera.

Posto che l’offerente dimostri che le funzioni sopraelencate siano realizzate da algoritmi nelle telecamere, si chiede se per ottenere il punteggio sia sufficiente presentare una piattaforma in grado di gestire le informazioni di Marca e Modello e Classificazione generate dai sottosistemi (telecamere) senza prevedere algoritmi aggiuntivi sulla piattaforma stessa.

13.2) Nel documento "specifiche tecniche" al capitolo 7 è inserita la richiesta di acquisire anche i transiti provenienti da altri sistemi già installati e che "...pertanto, l’Appaltatore, in sede di approvvigionamento del sistema di Lettura Targhe LT, deve provvedere all’integrazione e la scalabilità del proprio sistema con il sistema LTP, mediante l’utilizzo di protocolli aperti o di tipo web-service in modo da acquisire e effettuare lo storage sul proprio sistema i transiti provenienti da LTP". Si chiede se i sottosistemi esterni forniscano già le informazioni relative a Riconoscimento MARCA e MODELLO veicolo e a Classificazione Tipologia Veicolo menzionati nei punteggi 19 e 20 del Disciplinare di Gara, e possibilmente di precisarne le modalità.

13.3) Con riferimento al quesito precedente nel caso che la risposta sia negativa (ossia che le informazioni di Marca e Modello e Classificazione Tipologia veicolo non siano disponibili) si chiede se, ai fini di conseguire i punteggi 18 e 19 del Disciplinare di Gara, sia necessario fare eseguire gli opportuni algoritmi sul posto centrale dimensionando la piattaforma per tutti i flussi indicati al punto 7.1 delle “Specifiche Tecniche” :

L’Appaltatore, al fine di soddisfare un flusso di transiti quantificati giornalmente in 500.000 unità, (250.000 dai nuovi varchi e 250.000 dal sistema LTP) deve prevede la fornitura di un hardware e di un software dedicato al centro di controllo in grado di supportare il calcolo computazione e la gestione del flusso delle immagini/transiti.

Si prega quindi di confermare che la piattaforma debba essere dimensionata per eseguire in ogni caso algoritmi di secondo livello sulle immagini trasmesse almeno per i 250.000 transiti giornalieri del sistema LTP.

13.4) Il dimensionamento minimo dello Storage (NAS) richiesto al punto 7.3.1 delle Specifiche Tecniche, e ripreso nella valutazione del punteggio n. 16 del Disciplinare di gara, appare eccessivo rispetto alle richieste di conservazioni delle immagini indicate nello stesso paragrafo, anche considerando il flusso di transiti di 500.000 unità. Si chiede comunque di confermare.

Risposta:

13.1) Il punto 7) della tabella 1 contempla il riconoscimento automatico della marca e del modello dei veicolo lato telecamera; il punto 19)  della tabella 3 contempla lo stesso riconoscimento lato centrale; sta all’offerente presentare  l’ offerta tecnica migliore ( caso migliore: le telecamere fornite presentano il riconoscimento di marca e modello lato telecamere, mentre il riconoscimento di marca e modello dei transiti provenienti dal sistema LTP viene eseguito dalla nuova piattaforma al centro)

13.2) Brescia  Mobilità non dispone di queste informazioni in quanto non ha realizzato l’attuale sistema di lettura targhe di proprietà della Provincia di Brescia

13.3) Si conferma  che  L’Appaltatore, al fine di soddisfare un flusso di transiti quantificati giornalmente in 500.000 unità, (250.000 dai nuovi varchi e 250.000 dal sistema LTP) deve prevede la fornitura di un hardware e di un software dedicato al centro di controllo in grado di supportare il calcolo computazione e la gestione del flusso delle immagini/transiti. Pertanto la piattaforma deve essere dimensionata per eseguire in ogni caso algoritmi sulle immagini trasmesse per i 500.000 transiti giornalieri dati dai nuovi  varchi e dal sistema LTP.

13.4) Si conferma il dimensionamento del NAS come da specifiche tecniche

FAQ n. 14

Domanda:

A seguito di numerose richieste circa la quantificazione numerica dei varchi del sistema di lettura targhe sito sulle strade provinciali bresciane di proprietà dell’ ente “Provincia di Brescia”, siamo riusciti a reperirne il numero.

Attualmente insistono n° 14 varchi; per varco è da intendersi il dispositivo di ripresa tvcc

Risposta:

A seguito di numerose richieste circa la quantificazione numerica dei varchi del sistema di lettura targhe sito sulle strade provinciali bresciane di proprietà dell’ ente “Provincia di Brescia”, siamo riusciti a reperirne il numero.

Attualmente insistono n° 14 varchi; per varco è da intendersi il dispositivo di ripresa tvcc